Premio Andersen 2016 miglior Creazione digitale: Salis e l’Equilibrio dei Regni

Posted on mag 29, 2016 in what's up

SalisPremioAndersen2016_HP

Premio Andersen – Migliore Creazione Digitale 2016
con la seguente motivazione:

“Per la capacità di declinare una narrazione illustrata nelle forme di app, ebook, libro cartaceo, libretto d’opera. Per lo “sguardo lungo” che ha permesso di immaginare fin dall’inizio come Salis potesse adattarsi a supporti narrativi differenti senza perdere la propria identità. Per il coraggio di confrontarsi, come autori e illustratori che vengono dall’editoria cartacea, con le tecniche digitali e soprattutto con i lettori in corso d’opera, sapendoli coinvolgere in modo costruttivo.”

Siamo felicissimi di questo premio. La forza di Salis e del suo mondo ha catturato tutti noi che l’abbiamo raccontata in diversi modi, e in molti altri abbiamo voglia di raccontarla ancora.

Daniela ne ha inventato il mondo e la storia, Paolo le ha dato occhi, carattere, corpo, Laura ha animato lei e il suo percorso, Rebelòt l’ha fatta vivere nel digitale e nel cartaceo. Ringraziamo l’editor Alessandra Gnecchi Ruscone, Claudia Bellana per la revisione dei testi e il nostro manager Vincenzo Ambriola.

Così come ringraziamo tutti i ragazzi dei focus group che ci hanno seguito nelle biblioteche di Lodi, di Rozzano, nella Scuola Pavoni di Tradate.

Ringraziamo Solocanto che ha messo in scena “Salis e l’Equilibrio dei Regni” come opera lirica in tre atti: per lei Matteo Manzitti compone la musica e dirige i giovani musicisti, Federica Santambrogio crea laboratori e regia, Pilar Bravo insegna a cantare a centinaia di bambini e tutti loro promuovono, attraverso la nostra eroina, l’amore del canto lirico nei giovani. Maria Spazzi guida i laboratori di scenografia e la coreografa Emanuela Tagliavia quelli di danza. Così Salis è, anche quest’anno, al Piccolo Teatro di Milano (Teatro Studio) il 25 giugno alle 15. Alla fine di luglio, in Cina, con bambini cinesi.

Salis cattura tutti noi perché è coraggiosa e vive in un mondo dove ancora molto c’è da scoprire.

andersen2016_SALIS_Page_1